Se non soffri, non fallisci e non sbagli non comprendi il valore delle cose.

Quando ho aperto questo blog il mio obiettivo era quello di parlare di social media marketing mettendo a confronto gli avvenimenti lavorativi con quelli personali. Un paragone che mirasse a spiegare con parole semplici aspetti del mio lavoro che spesso risultano poco comprensibili a coloro che non lavorano in questo settore. Al giorno d’oggi però conoscere le basi dei social network e del digital marketing è fondamentale per tutti.

L’altro giorno riflettevo sulla mia giornata. In particolare mi sono soffermata sui comportamenti di alcune persone. Sapete quel tipo di persone che millanta oggetti costosi o che prova a “conquistarvi” con il disperato tentativo di offrirvi benefits. Anche se non glieli avete mai chiesti. Magari anche voi, come me, credete che quelli non sono benefits fondamentali e che le cose importanti nella vita siano altre. Avete mai provato a dire a queste persone cosa pensate? Io si. Si offendono dall’alto della loro incapacità di aprirsi al mondo e condividere un pensiero diverso dal loro. Cercano di annientarvi. Sono dei succhia-energie.

Diciamoci la verità, lavorare solo per i soldi è la cosa più triste del mondo. Perfino mio padre (credo) nutrisse della passione per il suo lavoro. Dopotutto ne aveva così poca per gli essere umani che doveva pur esserci qualcosa in grado di suscitare il suo interesse. Quel qualcosa era il lavoro. O meglio. Erano i soldi. Mio padre apparteneva alla categoria di persone che, senza una forte stabilità economica, si sente mancare il respiro. La terra tremava sotto i suoi piedi quando i suoi conti non si bilanciavano perfettamente con le sue aspettative. Ha dedicato tutta la sua vita a costruire una carriera che gli desse la possibilità di accumulare ricchezza senza saperne godere.

Ogni anno viaggio standard d’estate. In vacanza con la famiglia negli stessi posti. Negli stessi giorni e con le stesse abitudini. Nessuno sport praticato. Nessun interesse oltre il lavoro o la sua cura personale. Nessuna stima per nessuno. Dall’alto della sua perfezione nessuno era abbastanza capace, intelligente, spigliato, forte, meritevole di attenzione. Nemmeno (soprattutto) io.

Per fortuna all’età di 8 anni ho iniziato a farmi delle domande. A chiedermi se questo mondo fosse così inutile come lui mi faceva credere e quindi fossi la bambina più fortunata del mondo ad avere un dio come padre o se, dovessi uscire di più da tutti quei preconcetti e costruirmi un pensiero tutto mio. Potete immaginare la risposta. Nonostante l’infanzia e l’adolescenza non siano stati così entusiasmanti dal punto di vista emotivo sono riuscita a ragionare con la mia testa.

Ad oggi non faccio parte della categoria di persone che definisce la sua grandezza come essere umano basandosi sul conto in banca. Questo non vuol dire che io non sia ambiziosa e che non mi piaccia guadagnare. Mi sono costruita il mio lavoro da sola (beh certo, mio padre non poteva appoggiarmi. Ancora oggi non sa che lavoro faccio e non ha mai mostrato interesse nel volerlo sapere). Cosa più importante ho scelto questo lavoro perché mi rende felice. Ho sempre cercato di scavare il più possibile per avere informazioni di ogni tipo su tutto. Mi sono distanziata molto dai parametri lavorativi utilizzati in Italia, soprattuto nel centro-sud. Ho deciso di lavorare in smartworking perché voglio avere la libertà di muovermi e di lavorare da ovunque io voglia. Decidere dei miei orari e bilanciare il lavoro con gli aspetti personali. La mia più grande soddisfazione è lavorare ogni giorno creando un valore soprattutto per gli altri. Lavorare una vita intera e rimandare tutto alla pensione è una pessima scelta.

Come si imbocca la strada per il lavoro dei propri sogni? Con il coraggio. Nient’altro. Il coraggio di staccarsi dalle persone e dalle abitudini che ogni giorno ci allontanano dai nostri obiettivi. E prima ancora di questo stabilire quali sono i propri obiettivi. “Aridaje Fa con questi obiettivi!”. Lo so parlo sempre di obiettivi e spesso lo faccio anche come promemoria dei miei.

Quando nasci in una famiglia che non ti sprona a perseguire i tuoi obiettivi, inevitabilmente nasci svantaggiato. Devi prenderne coscienza. E credetemi, è un percorso difficilissimo. Tendiamo a rivivere gli schemi a cui siamo abituati, in cui siamo cresciuti. E anche quando lo comprendiamo, continuiamo a sbagliare ancora e ancora.

Una volta, un mio ex, mi disse: “Eh ma secondo me hai perso del tempo nel tuo percorso lavorativo”. Già. Avrei potuto fare alcune scelte qualche anno fa subito dopo l’università. E invece ho deciso di mettermi in proprio solo due anni fa. Troppo spesso giudichiamo le scelte altrui senza sapere quanta fatica ci sia voluta per raggiungere alcune consapevolezze. Quanti ostacoli (economici, emotivi, psicologici ecc) abbiamo dovuto affrontare.

Se non soffri, non fallisci e non sbagli non comprendi il valore delle cose. Delle emozioni, dei soldi, delle attenzioni, dei traguardi e infine della vita. Per questo motivo oggi ho deciso di dedicare più spazio al mio lato personale. Non voglio star qui a raccontare l’ennesima storia della bambina che non è stata compresa. Anzi, voglio parlare della forza che ho tirato fuori per superare i momenti di difficoltà e di quanto questo mi ha aiutato a creare un mio pensiero. Quando trasformiamo i momenti di dolore in forza di volontà, ecco che vinciamo.

Siate sempre fieri di ogni ferita e di ogni sconfitta. Io ne sono davvero fiera. E non mi crogiolo più nel pensiero “eh ma se lo avessi fatto prima?”. Viviamo nel presente ed è sul presente che dobbiamo concentrarci. Dobbiamo diventare responsabili della nostra vita oggi. La colpa non è mai degli altri. Tutto si basa su come reagiamo agli eventi. Più ci impegniamo a diventare persone di valore e più attrarremmo persone di valore in grado di comprenderci.

Lasciate perdere chi vi prende in giro. Chi non capisce il vostro cambiamento e la vostra evoluzione è perché ne è spaventato. Sottovalutiamo troppo le nostre capacità e diamo per scontato che gli altri siano perfetti.

Smettere di nascondere le proprie vulnerabilità è il primo passo verso la serenità.

Ci ho dovuto sbattere la testa tante volte. Quando mi sono davvero fatta male mettendo da parte i miei obiettivi e i miei valori ho sentito qualcosa rompersi dentro e dall’oggi al domani ho improntato la mia vita ad un cambiamento costante. Distruggere vuol dire creare.

Se non lo avete letto, qui vi parlo di alcune abitudini per essere più produttivi. L’ho chiamata la settimana della super produttività.

Abbracci grandi

Fabrizia

Pubblicato da

Fabrizia Cuozzo

Nasco in Puglia seppur il mio aspetto fisico abbia sempre confuso tutti. Appassionata di comunicazione fin da bambina, ho vissuto una serie di esperienza improbabili che sto trascrivendo in un libro vero e proprio non adatto ai bambini.

2 pensieri su “Se non soffri, non fallisci e non sbagli non comprendi il valore delle cose.”

Rispondi a Fabrizia Cuozzo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...